3349 visitatori in 24 ore
 249 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Carlo Fracassi

Carlo Fracassi

Sono orso e socievole, allegro ed ombroso, romantico e cinico.
Nella vita non si ama una volta sola ed ho una speciale vocazione per l’amore platonico. Cerco ancora la donna del sogno ma l’aspetto senza uscire da casa.
Inizialmente, scrivevo solo per amore, oggi lo faccio per ammazzare il tempo, ... (continua)


Nell'albo d'oro:
Sedotta e consumata!
Era bionda, profumata,
la linea sua morbida e perfetta.
L’attrassi a me
cingendole la vita,
poi accesi il suo ardor
tenendo quella cosa
fra le labbra
stretta stretta
e con voluttà
l’aroma suo
inalai
in tutta fretta.
Il nome suo era...  leggi...

Narciso
Estimator del suo riflesso
nel rimirar la sua figura
di parca cosa s'era concesso
Destino fu di gran iattura
ad amar solo se stesso
Ed Eco stanca di rinviar voce
tra boschi ascosa e ninfe
pianse per suo dolor atroce
di quell'amor che la respinse...  leggi...

Addio all'amore
In quale limbo s'è cacciata l'anima mia perversa?
Vaneggia la mente col cuore in tempesta
in uno stridor di porte che si chiudono per sempre.
Placido il sonno, turpe il risveglio...
e tu sei lì coi tuoi pensieri fino al morir del...  leggi...

Incantesimo
Ali di farfalla,
alito di vento,
soffio lieve.
Chiudo gli occhi,
ti vedo,
ti sento,
ti bacio,
e tu diventi neve....  leggi...

L'alambicco
Come alambicco

la mente mia
distilla

pensieri d'amore

che goccia a goccia
colano
lungo un collo di bottiglia

a cui nessuno
accosterà più le labbra...  leggi...

Un cappello pieno di pioggia
Nel vagheggiar
di un giorno fosco
nei pensieri miei
a prender posto
giunse Colei
che il cuor s'arrese
a tanto clamor
di parti lese

Della mia vita
fu dolce inganno
la dipartita
fu grave danno
Ed or che spiove
e nulla resta
nessune...  leggi...

L'ironia del destino
Compagni di banco,
lui sempre quieto e ben ravviato,
io impertinente,
irriverente e scalmanato.

Suo padre avvocato,
mamma insegnante,
sorella deliziosa e studiosa,
una bella famiglia.
Mio padre ferroviere,
mamma casalinga,
fratello...  leggi...

Odisseo
Non parlarmi di sera che voglio ascoltare
gemiti di sirena impazzita,
sullo scoglio violentato dai flutti.

Occhi di fiamma scrutano l'orizzonte
in cerca di naufrago che non farà ritorno.

Non svelarmi i confini del sogno...
ch'io...  leggi...

Il vento, il nulla
Esser soli contro vento,
una lotta senza pari,
mitigare puoi tu tempo
che cancelli tutti i mali
il dolore in me nascosto?

Nella vita non c'è posto
per chi corre in tutta fretta,
la fa sempre da padrone
chi nel mar non fa maretta...  leggi...

Bonjour tristesse
Parlare col cuore, mute le labbra,
Amare in silenzio, mentre l'anima si ribella.
Ostentare gaiezza quando più mi manchi,
Lasciare che il tempo lenisca il dolore.
Alzarsi al mattino senza te accanto,
Tornare a casa ed essere soli,...  leggi...

La cicala e la formica
Un bel dì la cicala e la formica
s'incontrarono per avventura
sul ramo d'una quercia antica.
L'una cantava
bella, fresca e riposata,
l'altra sudava
ed era assai incazzata.

Col suo fardello ed il fiato corto
la formica esordì...  leggi...

Carlo Fracassi

Carlo Fracassi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Il vento, il nulla (17/03/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Forever (04/08/2019)

Carlo Fracassi vi propone:
 Addio all'amore (23/08/2009)
 La cicala e la formica (18/03/2009)
 Odisseo (15/04/2009)

La poesia più letta:
 
Ai caduti di tutte le guerre (17/09/2009, 23463 letture)

Carlo Fracassi ha 11 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Carlo Fracassi!

Leggi i 2814 commenti di Carlo Fracassi


Leggi i racconti di Carlo Fracassi

Le raccolte di poesie di Carlo Fracassi


Autore del giorno
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Seguici su:



Cerca la poesia:



Carlo Fracassi in rete:
Invia un messaggio privato a Carlo Fracassi.


Carlo Fracassi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Tutte le fiabe

Le fiabe, scritte in una prosa svelta, semplificata al massimo, ricche di ritornelli, cadenze e cantilene rimangono (leggi...)
€ 0,99


Carlo Fracassi

Il becchino (come eravamo)

Uomini
Mio padre raccontava dell'Ossicini,
collega in ferrovia che dopo trent'anni,
né per gioco o per malia
era ancora manovale.
Era omone grande e grosso
ma balbuziente a più non posso;
di forza erculea e bevitore,
due metri circa la sua stazza,
mai ch'avesse avuto una ragazza.
Aveva gambe e braccia da orango,
pareva una giostra volante a ballare il tango.
Larghe spalle, collo taurino,
in una notte di baldoria
si scolò una mezza botte di vino.

Tante furon le avventure sue
che raccontarle tutte
ci vorrebber vite due.
Ma la più bella che vi voglio
qui narrare è che l'Ossicino,
senza mai il becco d'un quattrino,
per lo stipendio arrotondare
il becchino era il suo fare.
A quel tempo era costume
i morti vegliare in sacrestia,
con pochi spiccioli gli eredi
incaricavano qualcuno e così sia.

Sicché quella sera l'Ossicini,
già alticcio, mamma mia,
arrivò accompagnato dal compare
Scatassi in sacrestia.
Questi non era uomo di mestiere,
ma solo disoccupato e malandato
che poi andava a bere all'osteria.

Per passar la notte, non a torto,
portaron seco ogni gener di conforto
donato dai parenti generosi e riconoscenti:
porchetta, piada e salamino,
pollo arrosto e pecorino,
faraona, storni e fichi,
di Sangiovese sei litri.
Tabacco quanto basta
e le carte nella tasca
per ammazzar la notte dura;
questo solo, fu lor cura.

Misero tutto sul tavolo
vicino al catafalco
ed al mangiar diedero l'assalto.
Finita la cena e l'ennesima partita,
anche il vino era finito, per Aita!

Allora l'Ossicin disse all'amico:

"A vagh a to' un pera ad boci,
isé am sgranchés agl'osi"
(vado a prendere un paio di bottiglie
così mi sgranchisco le ossa)

Ma lo Scatassi suggestionato dall'ambiente,
col terror di rimanere vicino al morto,
anche qui non gli si può dar torto,
rispose che sarebbe andato lui stesso
immantinente, a casa a riempir il recipiente.
Al nostro eroe la cosa non passò inosservata
e maturò un'idea geniale,
della sua vita la più gran bella trovata!
Prese la salma, l'adagiò seduta in confessionale
e senza pensar che la cosa potea far male,
si distese nella cassa, reprimendo la sghignassa.

Tornato l'amico d'avventura,
trafelato per la corsa e la paura,
vide il compare seduto nell'oscurità
del confessionale e gli porse un gran boccale.
Vistolo immobile e credendo
che volesse fingersi morto gli disse:

"Dai bév, nu fa' e pataca!"
(Dai bevi non fare il fesso)

Contemporaneamente l'Ossicini
s'alzo a mezzo busto dalla bara
e, con voce tetra e amara, rispose:

"Si'n bév lò a begg me!"
(Se non beve lui bevo io)

Allo Scatassi gli prese un colpo secco...
cadendo a terra
si ruppe del naso anche il becco,
e superfluo dire,
ci volle del bello e del buono
per farlo rinvenire!
Da quel giorno il poverino
alle mani un tremolio ebbe
e gli venne anche la febbre.
Cominciò a balbettare
più del suo compare.
Chissà se fu la paura oppure il vino?
Nessuno mai lo seppe,
ma quando incontrava L'Ossicini, urlava:
"Pape Satàn, pape Satàn aleppe!"




Club Scrivere Carlo Fracassi 23/01/2010 11:17| 9| 3070


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Giorgia Spurio - Angela Rainieri
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

Nota dell'autore:
«Fra i miei ricordi manca qualche tassello, ma è garantito che la storia proviene da mio padre, collega dell'Ossicini e compagno di bevute. L'Ossicini era del 1878, perché mio padre diceva d'aver 20 anni di meno. Nel tempo ho potuto constatare storie simili raccontate nelle varie regioni, ma credo che proprio lui sia stato il generatore dello scherzo, diventato poi leggenda metropolitana o emulato successivamente da altri.
L'unica cosa che ho aggiunto alla storia è la chiusa ma si sa che ognuno raccontando aggiunge qualcosa di suo... Ovviamente i veri nomi dei personaggi sono altri.
»


 

I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«con le tue poesia, ci stai facendo conoscere un intero mondo... immerso nel passato e nella tua mente... davvero bella, anche questa, da leggere e rileggere...»
Salvatore Ferranti (23/01/2010) Modifica questo commento

«bravo questa è una poesia veramente fantastica sia per il testo che per il contenuto molto spassoso
piaciuta tantissimo»
Moreno il Duca (23/01/2010) Modifica questo commento

«E' proprio il caso di dire "Una poesia al giorno, leva il medico di torno" – l'autore con queste sue riesce a farci dimenticare tribolazioni che sempre riempiono le nostre giornate, un vero toccasana che ha lo stesso effetto di una pasticca - non si può che ringraziare.»
Club ScrivereBerta Biagini (23/01/2010) Modifica questo commento

«Storie d'altri tempi descritte in modo originale e magistrale che rendono gradevolissima la lettura... Piaciutissima.»
Club ScrivereAngela Rainieri (23/01/2010) Modifica questo commento

«...ci volevano questi versi
così originali e mordaci... si leggono d'un fiato
e si assaporano
davvero bella»
Danielinagranata (23/01/2010) Modifica questo commento

«Una descrizione dettagliata, che risulta molto interessante e carinissima, dove l'autore dimostra grande dimestichezza con la lingua. Il pensiero che lo porta a scrivere questa narrazione, diventa man mano sempre più incalzante, dando al lettore la possibilità di immergersi con curiosità in quel che poi, risulterà, un capolovoro di racconto, che in versi viene narrato con immensa scioltezza e dove l'avvolge un sorriso che non fa male, anzi fa rinascere.
Un sorriso a piene mani che ci catapulta in un passato a noi del tutto sconosciuto e che l'autore, mirabilmente, ci racconta con sagace bravura.
Poi... l'espressività, in esso contenuto, è magnifica, nonché pregevole nella forma e nell'argomentazione.»
Club ScrivereRita Minniti (23/01/2010) Modifica questo commento

«Davvero originale, ricca di particolari che man mano trascinano il lettore all'interno della narrazione dove assiste attento alla vicenda tra l'Ossicini e Scatassi. Apprezzata molto.»
Simone Bello (24/01/2010) Modifica questo commento

«Una storia che ci riporta al passato, con originalità e bravura versi molto ben espressi. Molto bella»
Gabry Salvatore (24/01/2010) Modifica questo commento

«Affascinante storia che sa si vita. Molto affascinanti questi versi descritti nel dettagli oin una lettura scoreevole e piacevole. Bravo!»
Daniela Pacelli (25/01/2010) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it